Slide 1

Ricerca Articoli

Articoli correlati

Adempimenti e sanzioni new!

    

A cura di Chiara Scardaci 

 

Ulteriori modifiche all'art. 11 della Legge 30.10.2013 n. 125


L'art. 8, comma 1, lett. a) del D.L. 30.12.2015 n. 210, convertito con modificazioni dalla Legge 25.02.2016 n. 21 ha modificato nuovamente l'art. 11 comma 3 bis della Legge 125/2013 

Per completezza si riporta l’intero comma 3 bis dell’art. 11 del D.L. 101/2013 ad oggi vigente:

3-bis.  Fino al 31 dicembre 2016 al fine di consentire la tenuta in modalità elettronica dei registri di carico e scarico e dei formulari di accompagnamento dei rifiuti trasportati nonché l'applicazione delle altre semplificazioni e le opportune modifiche normative continuano ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi di cui agli articoli 188189,190 e 193 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nel testo previgente alle modifiche apportate dal decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, nonché le relative sanzioni. Durante detto periodo, le sanzioni relative al SISTRI di cui agli articoli 260-bis, commi da 3 a 9, e 260-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni, non si applicano. Le sanzioni relative al SISTRI di cui all'articolo 260-bis, commi 1 e 2, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni, si applicano a decorrere dal 1° aprile 2015. Con il decreto di cui al comma 4, il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare provvede alla modifica e all'integrazione della disciplina degli adempimenti citati e delle sanzioni relativi al SISTRI, anche al fine di assicurare il coordinamento con l'articolo 188-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come modificato dal comma 1 del presente articolo. Fino al 31 dicembre 2016 e comunque non oltre il collaudo con esito positivo della piena operatività del nuovo sistema di tracciabilità individuato a mezzo di procedura ad evidenza pubblica, indetta dalla Consip Spa con bando pubblicato il 26 giugno 2015, le sanzioni di cui all'articolo 260-bis, commi 1 e 2, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, sono ridotte del 50 per cento.

 

Le sanzioni previste dai commi 1 e 2 dell'art. 260 bis del D. Lgs. n. 152/06 sono:

1.  I soggetti obbligati che omettono l’iscrizione al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) di cui all’ articolo 188-bis, comma 2, lett. a), nei termini previsti, sono puniti con una sanzione amministrativa pecuniaria da duemilaseicento euro a quindicimilacinquecento euro. In caso di rifiuti pericolosi, si applica una sanzione amministrativa pecuniaria da quindicimilacinquecento euro a novantatremila euro. 

2.  I soggetti obbligati che omettono, nei termini previsti, il pagamento del contributo per l’iscrizione al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) di cui all’articolo 188-bis, comma 2, lett. a), sono puniti con una sanzione amministrativa pecuniaria da duemilaseicento euro a quindicimilacinquecento euro. In caso di rifiuti pericolosi, si applica una sanzione amministrativa pecuniaria da quindicimilacinquecento euro a novantatremila euro. All’accertamento dell’omissione del pagamento consegue obbligatoriamente, la sospensione immediata dal servizio fornito dal predetto sistema di controllo della tracciabilità nei confronti del trasgressore. In sede di rideterminazione del contributo annuale di iscrizione al predetto sistema di tracciabilità occorre tenere conto dei casi di mancato pagamento disciplinati dal presente comma. 

 

* * *

L’articolo 9 del Decreto Legge del 31.12.2014 n. 192 ha prorogato il termine previsto dall’art. 11 comma 3 bis del Decreto Legge 31 agosto 2013 n. 101 (convertito con modificazioni dalla Legge 30 ottobre 2013 n. 125) dal 31.12.2014 al 31.12.2015. Di conseguenza, fino alla fine dell’anno corrente è consentita la tenuta in modalità elettronica dei registri di carico e scarico e dei formulari di accompagnamento dei rifiuti trasportati nonché l’applicazione delle altre semplificazioni.

L’articolo 9 citato ha inoltre apportato all’art. 11 altre modifiche  del D.L. 101/2013 ulteriori modifiche:

-           è stato specificato che le sanzioni di cui  ai commi da 3 a 9 dell'art. 260 bis e le sanzioni di cui all'articolo 260 ter del D. Lgs. n. 152/06 non si applicano fino al termine indicato.

-          dopo il secondo periodo è stata aggiunta una disposizione specificativa in merito all’applicazione delle sanzioni del Sistri di cui ai commi 1 e 2 del predetto articolo 260 bis che saranno vigenti a partire dal 01.04.2015.

Ancora in seguito l'art. 9 del Decreto Legge 31.12.2014 n. 192 è stato modificato dalla Legge di conversione del 27.02.2015 n. 11. Tale normativa ha posticipato il termine di applicazione delle sanzioni di cui ai commi 1 e 2 dell'art. 260 bis del D. Lgs. n. 152/06 al 01.04.2015

* * *

 

Con la conversione in Legge del D.L. 150 del 30.12.2013 (Legge di conversione del 27.02.2014 n. 15 pubblicata sulla GU n. 49 del 28.02.2014) è stato confermato il sistema del doppio binario.

Entro i termini di operatività già stabiliti con l'art. 11 del D.L. 101/2013 e s.m.i., tutte le imprese obbligate ai sensi dell’art. 188 ter del D. Lgs. n. 152/06, comma 1, dovranno essere iscritte al SISTRI e provvedere laddove sia possibile in base all'effettivo funzionamento del sistema, all'espletamento degli altri obblighi legati alla tracciabilità informatica dei rifiuti. Il parziale funzionamento del sistema però ha costretto il legislatore a tenere in vita gli obblighi cartacei che dovranno anch’essi essere adempiuti dai soggetti obbligati, sino al 31.12.2014.  Per le sanzioni ovviamente, il legislatore ha previsto, stante le deficienze del SISTRI, di applicare solo quelle relative al sistema cartaceo fino alla data del 31.12.2014.

Pertanto, è esclusa l'applicazione delle sanzioni relative al Sistri dettate dagli articoli 260-bis e 260-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni che sono stati riportati per intero nell'articolo correlato  Adempimenti e sanzioni - allo stato dell'art. 11 D.L. 101/2013.

Il sistema a doppio binario vede la sopravvivenza di norme antecedenti alle modifiche apportate al T.U. Ambientale dal quarto decreto correttivo, ovvero degli articoli 188,189,190 e 193 del D. Lgs. n. 152/06 ante D. Lgs. n. 205/2010 (quarto decreto correttivo al D. Lgs. n. 152/06 alias TU ambientale), relativi agli adempimenti ed agli obblighi di natura “cartacea”.

Il sistema a doppio binario dovrebbe terminare il 31.12.2014, data a partire dalla quale, le sanzioni di cui agli articoli 260 bis e 260 ter del D. Lgs. n. 152/06 saranno applicabili, e gli obblighi cartacei dovrebbero decadere in capo a chi aderisce al Sistri o come soggetto obbligato o su base volontaria.